Conosciamo Carlotta, la scenografa

Incontriamo Carlotta Gioia che coordina il laboratorio di scenografia per chiederle le sue impressioni sui ragazzi e a che punto sono con i preparativi dello spettacolo.

Le piace il progetto?

Carlotta: “Certo che mi piace il progetto!”

E’ la prima volta che fa un progetto simile?

C.: “No, non è la prima volta”

Come si è trovata a lavorare con i ragazzi e che rapporto ha con loro?

C.: “Mi sono trovata molto bene con i ragazzi anche se … sono molto vivaci!”

Carlotta ci ha raccontato che all’ inizio ha fatto esercitare i ragazzi con progetti semplici (la realizzazione di maschere e corone per gli attori, piccole casette) per conoscere meglio le loro capacità. Poi, grazie ai loro progressi sono riusciti a completare i costumi e a creare oggetti di scena, in particolare i cappelli di paglia che verranno inseriti in una vetrina. Durante il laboratorio i ragazzi lavorano sia singolarmente che in gruppo, soprattutto per i compiti più impegnativi.

Quali sono gli aspetti positivi e negativi?

C.: “Ogni aspetto di questa esperienza è positivo, però ci sono alcuni  aspetti negativi: il tempo esiguo e di conseguenza i lavori svolti in fretta.”

 

  • : I.Boccia , G.Cardini, A.Stan , S.Chilelli, G.Tenaglia
Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento